mercoledì, novembre 22, 2017

Uscirà domani “BanDiDonato”, primo singolo del nuovo album di Mimmo Cavallo

Tra ironia, nonsense e giochi di parole dell’incantautore che ha composto per grandi nomi quali Mia Martini, Fiorella Mannoia, Gianni Morandi, Zucchero e tanti altri
Voglio il vino della casa
Voglio il velo e non la sposa
Sono spino e non la rosa
Verso per/verso, la luna di traverso
Sono i primi versi di “BAND DI DONATO” o “BANDIDONATO”, il nuovo singolo di Mimmo Cavallo che uscirà Venerdì 15 novembre e che anticipa il prossimo CD, in arrivo nei primi mesi del 2014. L’album è il primo progetto che sarà realizzato da Suoni dall’Italia, la nuova etichetta indipendente di produzioni musicali, nata dalla volontà della cantautrice Mariella Nava.
Il brano è ironico, pieno di calembour, nonsense, giochi di parole dove “ballano” metafore attraverso personaggi come Joe Meticcio e Donato.  L’intrigante connubio Joe Meticcio – Donato fa pensare ad un pezzo contro l’omofobia ma il placebo lessicale suggerisce anche altre interpretazioni più autobiografiche.
Alla fine di ogni grande amore  (quanto sale ho perso/quanto sale io ho dato…sempre iodato sia) ognuno cerca di risorgere …certo gli esempi intorno sconfortano…Cristo dopo tre giorni, il sole addirittura tutte le mattine…ad ogni modo il nostro eroe Joe Meticcio “orfanizzato” dal mercato e precario musicista di strada non si perde d’animo e nonostante  la luna di traverso con la musica supera l’abbandono entrando nella BAND DI DONATO col quale ricostruisce la sua esistenza, riedifica la propria affermazione ritrovando una nuova epifania (metafora della vita di Mimmo e della vita di tanti). BANDIDONATO è la storia di un buono a nulla capace di tutto che da “uno stato catatonico” passa a nuova ebbrezza, pungolato da Venere, dardeggiato da Cupido. “Grazie alla musica mi sono salvato e adesso sto nella Band…..”.

Il nuovo singolo che segna il grande ritorno sulla scena musicale di Mimmo Cavallo come autore e interprete è accompagnato da uno spumeggiante e divertente videoclip per la regia di Paolo Scarfó, con Gianfranco Vozza alla batteria, Marida Longo al basso, Roberto Guarino alla chitarra e Natascia Bonacci e Carmen Rizzello, coriste. Nel videoclip Donato è interpretato da Giulio Spatola, Mr Gay Italia 2010 e Mr Gay Europe 2011, il primo italiano a vincere la fascia europea.
mimmo cavallo bandidonato_13 Mimmo cavallo
Biografia di Mimmo Cavallo:
Nato a Lizzano, in provincia di Taranto, Mimmo Cavallo forgia la sua vena artistica trasferendosi dapprima a Torino, successivamente a Roma. Mimmo Cavallo esordisce nel 1980 con il disco “Siamo Meridionali”, edito dalla CGD e realizzato da Antonio Coggio, autore e produttore di indiscusso rilievo (basta ricordare Claudio Baglioni), l’album rappresenta un modo nuovo e fresco, soprattutto vitale, di parlare del Sud e costituisce una sorpresa assoluta raccogliendo i consensi del pubblico e della
critica specializzata, con un importante riconoscimento al “Premio Tenco”.

Non si può parlare di Mimmo Cavallo prescindendo dal suo luogo di appartenenza, il Salento, terra di primitivo e di taranta. In questo senso la musica di Mimmo è palesemente figlia delle danze frenetiche risalenti al medioevo (ma le cui radici sono ben più remote) influenzata e mixata dalle sue esperienze successive. Nei sui ritmi c’è una sorta di presenza magica e rituale che riporta a una coreutica pagana, primitiva (si noti per esempio il grande uso dei tempi dispari, le innumerevoli
“squadrature”, l’uso del dialetto).
Autore di canzoni cantate da Mia Martini, Gianni Morandi, Fiorella Mannoia, Ornella Vanoni, Loredana Bertè, Syria, Albano… e Zucchero, dopo qualche anno di silenzio dovuto alla rottura verso un “certo mondo discografico” inizia il sodalizio con la DDD con la quale incide nel 1989, “Non voglio essere uno spirito” e nel 1992 l’autobiografico “L’incantautore”. Nel 2011, con la EDEL Italia, esce “Quando saremo fratelli uniti”. Cinque album alle spalle con brani portati alla ribalta del grande
pubblico come “Siamo meridionali”, “Uh Mamma” e “Caffè nero bollente” scritta per la Mannoia.

“Vedo nero coi miei occhi come disse la marchesa camminando sugli specchi”. E’ uno dei versi di “Vedo Nero”, il brano scritto da Mimmo Cavallo incluso in “Chocabeck”, di Zucchero che ha visto la collaborazione di artisti del calibro di Francesco Guccini, Paolo Panella, Pacifico e Bono.

Discografia:
1980 Siamo meridionali (CGD)
1980 Ma che storia è questa (CGD)
1981 Uh, mammà (CGD)
1982 Stancami stancami musica (Fonit Cetra)
1989 Non voglio essere uno spirito (DDD)
1992 L’incantautore (DDD)
2006 Le più belle canzoni di Mimmo Cavallo (Warner Music)
2011 Quando Saremo Fratelli Uniti (EDEL Italia)
2013 Bandidonato (singolo) (Suoni dall’Italia)

SITO UFFICIALE: www.mimmocavallo.it
www.mimmocavallo.fan-club.it

Suoni dall’Italia:
La nuova etichetta indipendente di produzioni musicali, nata dalla volontà della cantautrice Mariella Nava, di creare un luogo di incontro per artisti, musicisti, compositori, autori, arrangiatori e produttori italiani, legati alla migliore tradizione della canzone italiana.

Suoni dall’Italia si avvale, infatti, della collaborazione diretta di autori e produttori storici come Antonio Coggio, Piero Pintucci e altre figure fondamentali della musica leggera italiana, musicisti, autori, arrangiatori, promoters e produttori che operano da tempo nel campo della migliore discografia ufficiale italiana. Suoni dall’Italia si propone di fare incontrare energie e fantasie e mettere insieme idee e forze creative, per riscoprire il valore qualitativo della nostra canzone.
Direttore di Suoni dall’Italia è Fulvio Mancini, proveniente da anni di esperienza da RCA, BMG, SONY.
La presentazione pubblica della nuova etichetta discografica avverrà invece presso il MEDIMEX, il Salone dell’Innovazione Musicale, in programma a Bari dal 6 all’8 dicembre.

Related Posts

Masters of House Music
Masters of House Music: Dj Rochembach il 24 novembre al Jazz Cafè
princesa
Io sono Princesa. Sulle orme di Fernanda Farias, la transgender resa immortale dalla poesia in musica di Fabrizio De André
Mina
Mina: tutti i motivi per cui è un’icona gay

Leave a Reply

18 + diciassette =