USA votano contro la condanna della pena di morte per i gay

Gli USA di Trump hanno votato contro la risoluzione delle Nazioni Unite che condanna la pena di morte basata sull’orientamento sessuale.

La situazione per gli omosessuali in USA non è favorevole, visto il comportamento del Governo centrale. Il Consiglio dei diritti delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione per condannare la pena di morte basata sull’orientamento sessuale, gli Stati Uniti hanno votato contro.
In particolare la risoluzione condanna la pena di morte inflitta «arbitrariamente o in modo discriminatorio». E se ne chiede la proibizione a fronte di «forme di comportamento, come l’apostasia, la blasfemia, l’adulterio e le relazioni consensuali dello stesso sesso».
Si tratta della prima volta che il Consiglio dei Diritti Umani condanna la pena di morte per gli omosessuali.

usa gay

La pena di morte per i gay nel mondo

Dei 47 Paesi del Consiglio dei diritti umani, 27 hanno votato a favore e 13 stati, tra cui gli USA, hanno espresso parere contrario. Gli altri voti contrari sono arrivati da Botswana, Burundi, Egitto, Etiopia, Bangladesh, Cina, India, Iraq, Giappone, Arabia Saudita e Emirati Arabi Uniti. Mentre Cuba, Corea del Sud, Filippine, Indonesia, Tunisia, Nigeria e Kenya si sono astenuti.
Nel mondo i paesi in cui la pena di morte per gli omosessuali è ancora applicata sono: Iran, Arabia Saudita, Sudan e Yemen, alcune regioni della Nigeria e della Somalia, e i territori controllati dall’ISIS in Iraq e Siria settentrionali. Afghanistan, Mauritania, Pakistan, Qatar e UAE prevedono la pena di morte per i gay, ma fino ad oggi non si registrano esecuzioni. 

Related Posts

zurigo gay
Zurigo, 3 eventi da non perdere nel cuore gay della Svizzera
Viaggiatore lgbt
10 posti che un viaggiatore lgbt non dovrebbe mai visitare
Fedez per Bershka: le foto della nuova collezione firmata dal rapper

Leave a Reply

venti − dieci =