lunedì, dicembre 11, 2017

Tutti i motivi per amare Israele

Israele

Il Paese raccontato dalla direttrice di Turismo Israele, Avita Kotzer Adari.

Abbiamo incontrato Avita Kotzer Adari in occasione di un roadshow con le agenzie di viaggio italiane dedite alla formazione sul turismo gay friendly. Ci ha raccontato tantissime curiosità del suo Paese. Così, abbiamo deciso di risentirla per farvi conoscere alcune caratteristiche di Israele che solo una direttrice dell’ente di promozione turistica appassionata come lei può sapere.

Israele

Perché in Israele è stata all’avanguardia nella scelta di non fare nessuna distinzione di orientamento sessuale anche nell’esercito? Questa libertà di espressione da cosa deriva? Che radici ha nella cultura?

Israele pone a fondamento della proprie esistenza e anche della propria tradizione l’esclusione di qualsiasi tipo di discriminazione. La stessa Israele nasce in un clima di grande desiderio di libertà, voluta da uomini e donne che per la libertà avevano combattuto per costruire uno stato nuovo, con regole all’avanguardia. I pionieri di un tempo erano uomini e donne che hanno saputo vivere fin da allora ricoprendo i medesimi ruoli senza alcuna distinzione: come oggi. Le donne israeliane vivono con tutti i medesimi diritti e doveri degli uomini, cominciando dall’esercito.

Israele

Cosa consiglierebbe di fare a Tel Aviv? Quali sono le cose irrinunciabili?

Tel Aviv è una città straordinaria, ha conquistato diversi primati: oltre a essere la miglior Smart City del 2015 è stata scelta come la miglior Città Gay Friendly al mondo, la città con il più alto numero di bar, caffè e ristoranti per numero di abitanti, la città con la più alta scelta di ristoranti a cucina vegetariana, la città con le migliori spiagge cittadine al mondo. Le cose da fare a Tel Aviv sono davvero tantissime. Potremmo sceglierne dieci immancabili:

  1. Fare colazione al Porto di Tel Aviv: rinnovato da qualche anno, ora uno dei posti più belli e vitali della città che non dorme mai.Israele
  2. Trascorrere un giorno allo HaYorkon Park: passeggiate, corse e lunghi respiri nel cuore verde di Tel Aviv, dove si incrociano le nuove piste ciclabili. Uno straordinario investimento che ha ridotto il traffico e dato un volto nuovo alla città, anche di notte.
  3. Passeggiare in Rotchild Boulevard. Una delle prime strade costruite oltre 100 anni fa è ora uno dei centri della Città Bianca, la parte di Tel Aviv divenuta patrimonio Unesco. Da sola vale un viaggio: ristoranti alla moda, atelier; il luogo ideale per le passeggiate serali.
  4. Fare compere in Gan HaHashmall. Non troverete boutique di lusso, ma stilisti originali a prezzi contenuti. Il volto nuovo e più creativo della città.Israele
  5. Giocare a matkot sulle spiagge lunghissime di Tel Aviv: due racchette di legno, una pallina di plastica e l’acqua fresca del Mediterraneo. Molti lo definiscono “lo sport nazionale”.
  6. Trascorrere una mattinata al mercato delle pulci di Jaffa: a sud di Tel Aviv, ogni mattina, migliaia di bancarelle invadono l’area del vecchio mercato. Squisiti falafel, kebab, humus e altri cibi tipici si trovano nell’area del Mare e della Torre dell’Orologio. Oltre al cibo, qui si scopre dell’oggettistica meravigliosa, artigianato locale del gioiello dal design innovativo così come innovativi sono anche gli oggetti della tradizione che qui si presentano con stile leggero e rinnovato: Chamsa di finissimo argento, Magen David colorati e ravvivati da pietre dure, Chai realizzati con materiali naturali. Israele
  7. Fare dell’atletica lungo la New Promenade. Quasi tutti i telavivini presentano una forma fisica pressoché perfetta. Merito dell’intensa attività fisica che si svolge lungo tutta la provvedano che costeggia il mare. Dal porto cittadino (a nord) fino al porto di Jaffa (al sud).
  8. Mangiare, La cucina internazionale è rivisitata con i profumi locali, il vino squisito, l’atmosfera meravigliosa. Anche i nostalgici della cucina italiana potranno trovare sapori che li soddisferanno. Ottimi espresso e gelato. Tel Aviv offre ristoranti per ogni tasca e per ogni esigenza che spaziano dalla tradizione europea a quella dell’estremo oriente. Quello che veramente merita, infine, è lo street food, genuino e fresco.
  9. Vegliare nella lunga notte di Tel Aviv. Tra musica e drink a volontà, non si finisce mai. Posti di grande divertimento come Gazoz e locali di tendenza sono sempre aperti.
  10. Infine una visita alla Tachana: l’antica stazione oggi monumentalizzata, sempre aperta, con atelier e negozi esclusivi, affascinante luogo di incontro e divertimento.

Israele

Può descriverci il quartiere Nahalat Binyamin?

IsraeleNahalat Binyamin è il nome del quartiere costruito intorno a questa strada, fondata nel 1909 da un gruppo di 40 persone, la maggior parte dei quali erano commercianti, ancora prima che la città di Tel Aviv nascesse. Situata proprio accanto al mercato di Carmel è la strada che ospita il mercato più grande e più popolare d’arte e artigianato in Israele. Ogni martedì e venerdì si trasforma in un vivace luogo colorato, con più di 200 diversi artisti che mostrano le loro creazioni, tutte opere originali e fatte a mano: dalla ceramica, ai gioielli, ai giocattoli, ai dipinti e alle fotografie. Non si deve acquistare, basta guardare colori e sentire profumi, mentre si passeggia lungo la strada con i suoi caffè boutique alla moda, dall’architettura Bauhaus e Art Nouveau, e con i piccoli negozi retrò.

 

Cosa consiglia di fare a Eilat? Ci sono escursioni o luoghi particolari da vedere?

IsraeleEilat: la magia del Mar Rosso in un contesto europeo, con servizi altissimi, e la possibilità di escursioni in Giordania e in Egitto anche in giornata. Eilat è un Paradiso naturale con oltre 300 giorni di sole all’anno. Un Mar Rosso intatto, rispettato e rispettoso anche, per esempio delle persone con difficoltà motoria, offrendo una o più spiagge attrezzate per i disabili. è la località dove è nata la possibilità di prendere un brevetto subacqueo essendo stata qui istituita la scuola per il brevetto Padi. Qui è possibile nuotare con i delfini, o fare shopping senza pagare le tasse se si è turisti. Ad Eilat non ci si annoia mai. Tanti gli appuntamenti con la musica dal tradizionale Festival del Jazz (gennaio ed agosto) al Festival della Musica da Camera. Numerosi pure gli appuntamenti sportivi: l’ormai celeberrimo Triathlon, la Maratona del deserto, la Gran Fondo invernale che proprio a Eilat ha il traguardo. Eilat organizza nel mese di maggio anche un Festival dedicato al mondo LGBT che vede arrivare fan da tutto il mondo.

A qualche chilometro da Eilat inoltre si trova il parco di Timna e le miniere di Re Salomone; patrimoni geologici davvero unici, per non parlare degli splendidi e straordinari Maktesh, i crateri naturali che aprono una finestra su un paesaggio quasi lunare. Un panorama mozzafiato per amanti del trekking e della natura. Qui sono possibili percorsi mountain bike, sport estremi e bird watching.

 

IsraeleC’è un libro che consiglierebbe di leggere prima di partire per Israele oggi? 

Più di uno… il sempre validissimo testo di Franco Cardini: “Gerusalemme” e il sempre splendido libro di D. Grossman “Qualcuno con ci correre”, una storia d’amore nella romantica Gerusalemme.

Letizia Strambi

Related Posts

Inverno
Inverno a Toronto – le attività che possono rendere magica la tua vacanza
Festival invernale
Il Grande Festival Invernale di Toronto – lasciati scaldare il cuore!
Bacio gay
Love is Love: Tourism Toronto promuove la città con un bacio gay

Leave a Reply

2 × due =