Toronto, la culla gay del Canada

Toronto è una delle poche città ad ospitare due Gay Village: il Gay Village di Church & Wellesley e il Queer Fest Village.  Nel primo si può trovare tutto quello che un turista Lgbt può sperare di trovare, tra ristoranti, alloggi gay friendly, librerie, cocktail bar, teatri lgbt.  
Il secondo è costellato di locali queer e ristoranti dall’aspetto frizzante e spregiudicato.   Questo è già sintomo di una città che sembra nascere per l’accoglienza di un pubblico Lgbt, a cui sono indirizzati esplicitamente eventi lungo tutto l’anno e aree della città.  

Il 519 Church Street Community Center, o semplicemente The 519, è il punto di partenza per il visitatore Lgbt che desidera avere una guida autorevole per visitare la città e scoprire tutto quello che ha da offrire la gay life cittadina.  
Noto come centro di aggregazione della comunità Lgbt di Toronto ma aperto a chiunque ne abbia bisogno, il 519 è il luogo dove ottenere informazioni, fermarsi per mettere qualcosa sotto i denti o gustarsi un drink e conoscere persone socievoli del luogo.

Se arrivate con la bella stagione probabilmente vi indirizzeranno verso la zona delle spiagge, un incantevole ritrovo sulle sponde del lago dove poter prendere il sole o rilassarsi nei Kew Gardens, un ampio parco dove l’ospite è intrattenuto con concerti ed esibizioni live.  
Se il vostro spirito esploratore vi porta a cambiare location, imbarcatevi sul traghetto e raggiungete una delle spiagge sulle isole di fronte la città, per vivere ancora più a pieno la piacevolezza del Lago Ontario. 
E parlando del lago, non resta che attraversarlo per arrivare ad una delle più intriganti attrazioni che chi arriva a Toronto non può certo perdersi: le Cascate del Niagara.  Queste si trovano infatti a pochi minuti di macchina dalla città e rappresentano uno spettacolo assolutamente sublime agli occhi del visitatore.  Salite a bordo di uno dei numerosi battelli che si addentrano nel cuore delle cascate per vivere a pieno il brivido e il fascino di questo spettacolo della natura. 

Sul ritorno dal vostro itinerario da The Beach (l’area della spiaggia) vi potrete imbattere in un’altra area della città molto elegante e di tendenza decisamente legata ad una frequentazione Lgbt, magari più adatta rispetto ai Village per chi vuole trovare intrattenimento e un’offerta Lgbt senza un eccessiva folla.  
Questo è il quartiere Leslieville, nell’area identificata come quella dell’East end, un ottimo posto per gustare la nightlife gay cittadina in posti come il WAYLA bar o il Joy Bistro.

Toronto oltre ad essere una città ricca di fascino e attrattiva sembra essersi sviluppata proprio per offrire a gay e lesbiche un luogo piacevolissimo ed eccitante in cui trovarsi, passare piacevoli serate e vivere l’atmosfera canadese fra i comfort cittadini e splendide attrazioni naturali.  
Non per niente leggenda vuole che l’area più gay di Toronto sia stata acquistata  nel XIX secolo da un tal Alexander Wood, gay, divenendo il frequentatissimo Church Wellesley Gay Village. 

Scopri Toronto con Quiiky

Leave a Reply

otto − 7 =