The Pearl of Africa, essere transgender nel paese ammazza gay

The Pearl of Africa, finalmente la prima mondiale del documentario che racconta cosa vuol dire essere trasgender in Uganda. Presentato questo weekend in Canada.

L’Uganda per la comunità Lgbt è conosciuto per essere il paese ammazza gay, dove è stata approvata una legge che vieta l’omosessualità rendendola punibile con reclusione. Il disegno iniziale della legge prevedeva anche la pena di morte.

È in questo contesto che matura la storia di Cleopatra Kambugu, attivista transgender di 28 anni protagonista del documentario “The Pearl of Africa”. Una vita in pericolo dopo essersi ritrovata in prima pagina sul Red Pepper, tabloid nazionale, che una settimana dopo l’approvazione della “Legge ammazza gay” titolava “Ecco come siamo diventati omosessuali” e allegava una lista di circa 200 nomi e cognomi di omosessuali.

the_pearl_of_africa.cover_

Cleopatra dopo l’outing è stata vittima di violenze e pestaggi da parte della folla e per salvarsi si è vista costretta a scappare da uno dei paesi più omofobi del mondo, per recarsi in Kenya a Nairobi. Posto dal quale continua la sua lotta per l’emancipazione della comunità Lgbt in Uganda.

Kambugu ha sempre rifiutato di rimanere una vittima e si è impegnata fino a raggiungere il sogno di recarsi in Thailandia per fare l’operazione che le ha permesso di diventare la donna che si è sempre sentita. Ora il suo obiettivo primario è quello di diventare il primo transgender a vivere in Uganda ed essere riconosciuta anche legalmente come donna.

Cleo ha iniziato a raccontare la sua storia con una webseries The Pearl of Africa che è diventata molto famosa e ora, grazie anche al sostegno di tutto il mondo che ha contribuito alla campagna di crowdfunding, la sua storia diventa un documentario.

Il regista Jonny Von Wallström racconta: ”Molti film sui transgender e sulle persone di colore spesso hanno come focus il fatto che siano dei diversi. Con questo documentario ho voluto riempire quel gap con una storia personale di amore, dove quello che sta al centro è l’essere umano.”

La presentazione ufficiale è avvenuta questo weekend all’ Hot Doc International Film Festival 2016 in Canada.

Related Posts

Ka Design
Ka Design, la svastica come simbolo della battaglia LGBT? No grazie.
Respingere i gay è una grave forma di stupidità – A. Cecchi Paone per QMagazine
casa riposo LGBT
Terza età Gay, la prima casa di riposo LGBT a Roma

Leave a Reply

4 × due =