Smile and Fight, il rugby mostra i denti contro l’omofobia

Smile and Fight, Libera Rugby Club e una rappresentativa di ex nazionali in campo per chiedere allo sport di dire no all’omofobia. Il 23 settembre al Parco Forlanini di Milano.

Smile and Fight sarà una mattinata di sport, ironia e impegno sociale. Per chiedere che lo sport italiano, come avviene già in molte nazioni, dica apertamente no all’omofobia. Sabato 23 settembre alle 10:30 al parco Forlanini di Milano Libera Rugby Club, la prima squadra di rugby inclusiva d’Italia, già protagonista del famoso bacio tra rugbisti finito in copertina su Sportweek nel 2015, incontrerà una selezione di ex nazionali in una partita di rugby a 7.

Smile and Fight
Prima dell’incontro si esibirà in un’ironica haka-antiomofobia a sottolineare il tono sorridente che permea l’intero evento. La giornata infatti sarà l’occasione per lanciare ufficialmente la campagna ‘Mostra i denti contro l’omofobia’. Tutti i giocatori si faranno un selfie con il paradenti arcobaleno simbolo della campagna a cui stanno aderendo campioni di tutti gli sport. Tra gli altri Marco Parolo, Filippo Magnini, Massimiliano Rosolino, Simona Quadarella, Luca Marin, Giusy Versace, Luca Mora, Paolo Pizzo, Angelica Savrayuk, Alessandro Lucarelli, Emanuele Di Marino e Arjola Dedaj, Adriano Malori, Gianluca Mandras.

Smile and Fight

Massimiliano Rosolino mostra i denti contro l’omofobia

Obiettivo di Smile and Fight è il divieto di discriminazione secondo l’orientamento sessuale

L’obiettivo finale è che, dopo l’inserimento nel regolamento del Coni nel 2015 del divieto di discriminazione secondo l’orientamento sessuale, lo stesso divieto venga introdotto in tutti i regolamenti di Federazioni, Leghe ecc. di tutti gli sport. Per questo verrà realizzato uno specifico appello a fine partita. Tutti i partecipanti potranno sostenerlo facendosi sul posto un selfie con i paradenti arcobaleno da viralizzare sui social con l’hasthtag della campagna #SmileAndFight.

Smile and Fight

Per consentire a tutti di appoggiare la campagna, tutti i selfie saranno raccolti sul sito della campagna www.smileandfight.it dove chiunque può accedere al frame di Fb che consente di farsi il ‘selfie-arcobaleno’ a sostegno dell’iniziativa che verrà pubblicato insieme a quello dei campioni.

Smile and Fight

E dopo la partita pasta asciutta per tutti

A conclusione evento si terrà uno speciale ‘terzo tempo’ con pasta al sugo per tutti offerta dal jersey sponsor di Libera, Althea – Amore e sughi. Brand da sempre schierato a favore dei diritti della comunità Lgbt, fin dal suo lancio sul mercato a fine 2012. Per il rinnovato sostegno a Libera Althea è uno dei brand più amati e seguiti sui social.

Smile and Fight

Related Posts

zurigo gay
Zurigo, 3 eventi da non perdere nel cuore gay della Svizzera
Viaggiatore lgbt
10 posti che un viaggiatore lgbt non dovrebbe mai visitare
Fedez per Bershka: le foto della nuova collezione firmata dal rapper

Leave a Reply

quattro × tre =