venerdì, gennaio 19, 2018

Savona: manifesto antigay nello studio medico per guarire l’omosessualità

Succede a Savona dove nello studio medico del Dott. Fabio Vaccaro appare un manifesto che sponsorizza un percorso di guarigione dall’omosessualità, considerata un disagio di cui si soffre come il diabete

Uno studio medico di Savona è al centro delle polemiche in seguito ad un brutto gesto di omofobia. «Luca era gay. Ma grazie a un percorso di conversione, su base religiosa e psicologica, si è riappropriato della sua mascolinità ed eterosessualità». Questa è solo una delle frasi contenute sul manifesto che il Dott. Luca Vaccaro ha appeso nel suo studio medico. Oltre alla copertina del libro “Ero Gay” di Luca Di Tolve, anche  il nome e il numero di telefono della comunità terapeutica di Brescia, Lot, a cui rivolgersi per “guarire” dall’omosessualità.

Appresa la notizia, l’associazione Arcigay Apertamente di Savona, ha immediatamente segnalato il fatto all’Ordine dei medici; chiedendo la rimozione del manifesto e provvedimenti disciplinari per il medico incriminato. 

Savona

Secondo il medico «omosessuali si diventa per dinamiche familiari ed è giusto porgere aiuto per sostenere queste persone a diventare uomini e donne». Il consiglio dell’Ordine valuterà il caso, nel frattempo il presidente Luca Corti ha dichiarato: «Precisiamo che l’Ordine non considera l’omosessualità come una malattia e che valuterà al più presto, con la massima serietà, il caso segnalato»

A peggiorare la situazione arrivano le nuove dichiarazioni del medico al centro della polemica: «Non capisco come mai Arcigay si senta offeso: il mio è uno studio medico. Come affiggo depliant per la cura dell’Alzheimer e del diabete, lo faccio anche per le terapie dedicate a chi soffre di disagio legato all’identità sessuale». Che ha poi aggiunto: «l’omosessualità era inserita tra le patologie dall’Oms, l’organizzazione mondiale della sanità. Poi, anche a fronte dell’attività delle lobby gay, rappresentate da personaggi dello spettacolo e del mondo della moda di potere, è stata depennata. Resta, però, l’obbligo di curare chi soffra per la condizione in cui si trova».

Scarica QMagazine sul tuo cellulare, disponibile su Apple e Android!

Related Posts

Tiziano Ferro, Rolling Stones: “Se sei gay non cantare etero”
Ricky Martin
Ricky Martin e Jwan Yosef, il ritratto di una famiglia felice in prima pagina su AD
Pronti partenza Pitti: al via la 93esima edizione di Pitti Immagine Uomo

Leave a Reply

cinque + diciassette =