Addio Roaming in Europa: la panacea dei viaggiatori

Dal 15 Giugno 2017 i cittadini europei che viaggiano all’interno dell’Unione Europea non pagheranno più i costi di Roaming per chiamate, sms, e dati web. Si potrà utilizzare lo smartphone senza paura delle tariffe.

 

No Roaming in Europa
Come si cambia?

Il cambiamento sarà automatico, quindi non c’è bisogno di attivare nulla per avere la tariffa prestabilita nel paese di residenza. Questo è valido sia per le tariffe a consumo che per quelle illimitate, con qualche eccezione per tutelare gli operatori.

Chi non paga più il roaming in Europa?

La tariffa normale si applica solo per i viaggiatori temporanei, non per chi prende residenza in un altro paese. Ovvero, tutto ciò vale per chi sta facendo un viaggio per lavoro o svago in un altro paese europeo. Anche per le chiamate in arrivo dall’Italia, mentre si è all’estero, non si pagherà alcun sovraprezzo. Altra eccezione è per chi chiama all’estero dal paese di residenza, anche in questo caso verrà applicata una tariffa maggiore.

Gli operatori italiani

Alcuni operatori italiani si sono già adeguati alle nuove regole, gli altri lo faranno entro la scadenza. Sono comunque obbligati a mandare un’informativa riguardante le nuove regole tramite sms al passaggio della frontiera. Noi consigliamo comunque di controllare presso il proprio gestore telefonico.

Related Posts

surprise me
Surprise me: Parto ma non so dove vado
vacanze 2017
Vacanze 2017: i nemici delle spiagge
5 Destinazioni Gay Friendly selezionate dai migliori Travel Bloggers LGBT

Leave a Reply

6 + sette =