Messico, c’è un tempio che spunta dal fiume

Si chiama Chiesa di Santiago ed è rimasta sommersa dall’acqua per oltre 40 anni, ma la sua storia è ancora più antica. Fu costruita nei primi anni del XVI secolo da alcuni monaci che arrivarono in queste terre insieme ai conquistadores spagnoli e rimase più o meno utilizzata per oltre 200 anni.

Tra il 1773 e il 1776 fu invece abbandonata, probabilmente in seguito alle epidemie che si diffusero nella zona e che indussero gli abitanti ad abbandonare queste zone. Durante il 1966, dopo la costruzione della diga sul fiume, la chiesa venne completamente ricoperta, e in qualche modo conservata, dalle acque.

A partire dal 2002, a causa di un lungo periodo di siccità che colpì la zona del Chiapas, le acque del fiume Grijalva subirono un abbassamento di circa 25 metri, facendo riemergere dopo tempo l’antico tempio, oggi ben visibile dalle rive e agognata meta turistica per i visitatori della zona.

Per poterla ammirare da vicino è possibile partecipare ad alcuni tour organizzati dai pescatori locali.

messico gay

Related Posts

Messico QMagazine
Messico, la favela diventa un grande arcobaleno grazie ad una splendida opera di street art
Beef Dip Bear Week 2017, la settimana bear nel paradiso Lgbt di Puerto Vallarta
La nazionale messicana “abrazada” contro l’omofobia

Leave a Reply

diciannove + tre =