LA NUOVA CALEDONIA CREA UN PARCO MARINO NEL MAR DEI CORALLI


L’APERTURA PREVISTA PER APRILE 2014

La Nuova Caledonia ha annunciato la creazione di un parco naturale nella zona economica speciale che corrisponde principalmente al Mar dei Coralli.
Si tratta di una zona molto estesa, 1.300.000 kmq, per un progetto che vedrà coinvolti tutti i cittadini caledoniani per uno sviluppo economico sostenibile capace di favorire il paese nella sua influenza sia locale che internazionale.
L’annuncio ufficiale del Parco Marino è ad aprile 2014quando a Nouméa  si terrà “Océania 21”, un meeting volto alla sostenibilità ambientale. La creazione di questo Parco per la Nuova Caledonia significa molto, in primis permetterà una governance ripartita e una migliore gestione dell’intera area visto che attualmente vige una regolamentazione disomogenea.
Si tratterà di un vero progetto sociale con un consiglio amministrativo composto dagli insieme degli attori del territorio nei quali potranno esserci: le province, le amministrazioni locali, lo Stato, le organizzazioni scientifiche, i cittadini e forse i rappresentanti degli Stati della Regioni confinanti.
Oltre a sensibilizzare la popolazione sulla ricchezza dell’intera area, l’obiettivo che questo Parco intende mettere in evidenza è lo sviluppo sostenibile marino della Nuova Caledonia : trovare un equilibrio tra la conservazione, lo sfruttamento delle risorse e lo sviluppo economico.
A tal proposito sono state condotte, in oltre un anno, numerose consultazioni con l’intera popolazione del luogo per sensibilizzare ma anche di far conoscere come verranno utilizzate le diverse aree del Parco.  Durante gli incontri sono stati presentati numerosi studi scientifici sui  diversi ecosistemi e determinare le zone dove si troveranno i maggiori problemi ecologici ed socio – economici.
 Il Parco pertanto sarà organizzato in tre differenti aree : una dedicata allo sviluppo economico sostenibile, una ad attività economiche ma con limitazioni ambientali ed infine non mancheranno  spazi dedicati alla conservazione dell’equilibrio ecologico.
A rafforzare ulteriormente questo progetto ci ha pensato, nel 2010,  l’accordo che la Nuova Caledonia ha siglato con l’Australiaper la co-gestione del Mar dei Coralli. Oggi questi due paesi non nascondono neppure l’intenzione di allargare la convenzione anche con Vanuatu, le Isole Salomone e La Papua Nuova Guinea.
Recentemente, invece, è stato la volta dell’accordo di cooperazione bilaterale con le isole Cook che assicura un gemellaggio delle aree marittime protette dei due paesi ed una partnership delle competenze e dell’esperienze per meglio gestire le loro Aree marine protette. 
 Info e foto su Nuova Caledonia su:

Related Posts

BIT 2017 QMagazine
BIT 2017, Il mercato LGBT del terzo millennio: tutti i dati il 3 aprile
Intervista a Flavio Gismondi protagonista di Newsies
SUDAFRICA SEMPRE PIU’ SOCIAL!

Leave a Reply

4 + otto =

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: