la maternità è altrove

Teatro Eliseo Roma
Mercoledì 10 febbraio  ore 20.00
Ingresso libero

La maternità è altrove
Sei personaggi in cerca di risposte

Mise en éspace
Gabriella Pession, Stefania Rocca, Serena Rossi, Paola Turci e Pamela Villoresi

ROMA - PRESENTAZIONE FICTION LO SMEMORATO DI COLLEGNO - GABRIELLA PESSION

serena-rossi-slNoteVerticali.it_Paola-Turci

pamela_villoresi

stefania-rocca-9

Drammaturgia di Emilia Costantini
Tratta da interviste di Margherita De Bac e Monica Sargentini

Segue dibattito
Gilberto Corbellini, filosofo ed epistemologo
Tommaso Giartosio, scrittore e conduttore di Fahrenheit Radio3 Rai
Assuntina Moresi, consigliera del Ministro della Salute, Comitato Nazionale per la Bioetica e giornalista
Pamela Villoresi

Un evento promosso dal blog 27Ora

Per la prima volta il teatro si apre al dibattito su di una materia di fondamentale importanza civile e sociale. Per la prima volta il prestigioso palcoscenico del Teatro Eliseo diventa luogo deputato per un sereno confronto sul complesso e delicato problema della fecondazione eterologa e maternità surrogata, ovvero il cosiddetto utero in affitto. Un problema dilagato nella cronaca quotidiana a livello non solo nazionale, bensì mondiale.

Un evento promosso dal blog del Corriere della Sera 27esima ora che prevede la mise en éspace di un testo, La maternità è altrove – Sei personaggi in cerca di risposte, interpretato da Gabriella Pession, Stefania Rocca, Serena Rossi, Paola Turci e Pamela Villoresi. La drammaturgia è stata realizzata da Emilia Costantini, giornalista critico teatrale del Corriere della Sera e scrittrice, sulla base di vere affermazioni tratte da interviste e servizi firmati da Margherita De Bac e Monica Sargentini, pubblicati sul Corriere negli ultimi mesi.

I personaggi del testo, infatti, sono i seguenti: la madre surrogata, la madre intenzionale (o ricevente), la donatrice, la figlia dell’eterologa, cui si aggiungono un marito divorziato e un finto spettatore. Le loro battute sono tutte assolutamente vere, tratte dalla realtà, nulla di inventato, dunque, ma solo drammatizzato. Si tratta quindi di un’assoluta novità: lo spazio scenico si tramuta in spazio di discussione reale, a disposizione di vere ed impellenti istanze sociali.

Alla mise en éspace segue il dibattito, aperto al pubblico in sala, cui partecipano tra gli altri, Gilberto Corbellini, filosofo ed epistemologo, Tommaso Giartosio, scrittore e conduttore del programma Fahrenheit di Radio Rai 3, Assuntina Moresi, consigliera del Ministro della Salute, Comitato Nazionale per la Bioetica e giornalista e la stessa Pamela Villoresi che racconterà la sua personale esperienza di <nonna surrogata>.

Lontano dalle solite risse televisive, che da mesi affollano il talk show, lontano dalle piazze scomposte e dissennate, il teatro si riposiziona dunque al centro della polis nell’accezione più alta del termine. Il tema trattato, infatti, merita rispetto e non le baruffe più o meno mediatiche cui siamo abituati. Non si tratta infatti di un semplice argomento di stretta attualità. Il ricorso alla fecondazione eterologa e/o alla maternità surrogata è piuttosto una modalità per generare figli con cui ci si dovrà confrontare nel presente e nel futuro, quindi si imporrà sempre più all’attenzione internazionale. Per molte coppie eterosessuali accedere a queste pratiche sanitarie rappresenta l’ultima spiaggia: vi arrivano dopo aver tentato vari cicli di fecondazione assistita, dopo aborti spontanei ripetuti o interventi non riusciti. Per le coppie omosessuali è invece l’unica e sola opportunità per accedere alla genitorialità, se si esclude l’adozione che, in Italia, è a loro preclusa.
Insomma, una questione assolutamente trasversale, che abbraccia ambiti sociali, culturali, persino confessionali molto diversi e che riguarda ormai centinaia di coppie ogni anno. Una querelle che non troverà, in breve tempo, una facile soluzione e su cui vale la pena di riflettere. E il teatro, ancora una volta, si propone proprio come luogo qualificato di riflessione.

Related Posts

Utero in affitto, sí o no

Leave a Reply

15 + quattordici =