giovedì, febbraio 15, 2018

Kyle Thompson e la meta-realtà

Le fotografie di Kyle Thompson alla Reggia di Caserta

Dal 27 Marzo al 4 Giugno 2018 la Reggia di Caserta ospiterà Open Stage, la prima mostra personale in Italia del fotografo statunitense Kyle Thompson (Chicago, 1992).

Il lavoro fotografico dell’artista, che ha attirato l’attenzione della critica internazionale, esplora quella parte dell’esistenza dove si colloca il limite tra il sogno e la realtà, tra verità e poesia, tra coscienza e inconscio, indagando così i frammenti più occultati della nostra essenza, quelli dove nascondiamo o esaltiamo le nostre paure più profonde e i nostri veri sentimenti. Il risultato è una sur-realtà, o una meta-realtà, ambientata in luoghi abbandonati dall’uomo, come nella serie Ghost Town (2015), o nella natura più solitaria e non civilizzata, spazio di purezza e di stasi, forse il luogo sacro della divinità e del silenzio dell’acqua.

Quello che percepiamo osservando i suoi scatti è la ricerca di un’antropologia che da personale (Thompson è protagonista di molte delle sue opere) diventa lo specchio di una società vittima dei suoi stessi eccessi, dove al rumore caotico dell’urbanizzazione si impone il silenzio della natura e della nostra coscienza.

La mostra di Caserta, curata da Gabriela Galati, presenterà un progetto site-specific composto da dittici fotografici in cui è evidente la ricerca socio-antropologica, oltre che esistenziale, dell’artista.

www.reggiadicaserta.beniculturali.it

www.kylethompsonphotography.com

Kyle-Thompson-Carcass

Kyle-Thompson-Ghost-Town

Kyle-Thompson-Ghost-Town

Kyle-Thompson-Tides

Kyle-Thompson-Untitled

Kyle-Thompson-Untitled

Kyle-Thompson-Untitled

Kyle-Thompson-Untitled

Kyle-Thompson-Untitled

 

 

 

Related Posts

Da Michelangelo a Caravaggio, dal Rinascimento al Barocco. Una mostra a Forlì
Arte e erotismo: una nuova pubblicazione di Phaidon
Mapplethorpe
Anatomia e Scultura, lo scandaloso Robert Mapplethorpe

Leave a Reply

sedici − quindici =