Israele, tra Gay Pride e spiagge gay friendly

Israele apre questa settimana la stagione balneare 2016 con le sue spiagge gay friendly dove rilassarsi dopo i festeggiamenti per il gay pride.

Le abbiamo lasciate l’anno scroso le spiagge di Israele con USA Today che le definiva tra le migliori al mondo per godere di splendidi momenti di relax, le ritroviamo quest’anno con ben 21 spiagge premiate con la Bandiera Blu da parte della FEE Foundation fort Environmental Education, l’ente proposto alla verifica dell’eccellenza ambientale.

Tutte ad ingresso gratuito, tra le spiagge prescelte  possono essere ricordate la spiaggia Hukuk  del Lago Kinneret, la spiaggia Dado ad Haifa, Chanz, Onot, Amfy, Herzl, Sironit Nord, Sironit Sud, Laguna-Argaman e le spiagge Poleg a Netanya; le spiagge Metzizim e Gerusalemme a Tel Aviv;  la spiaggia HaKachol a Rishon Lezion; Mei Ami, Oranim, Lido, Kshatot, Yod Alef, Riveria ad Ashdod e la Hash’hafim Beach a Eilat. Anche i porti turistici di Herzeliya e di Tel Aviv sono stati premiati da EcoOcean con la Bandiera Blu.
Molto curiose Netanya e Herzliya che sono anche dotate di un ascensore per l’accesso alle spiagge situate sotto le scogliere.

In questo periodo il focus è tutto sulla gaylife, con il Gay Pride in arrivo a Tel Aviv dal 29 maggio al 4 giugno che rende la città una tra le mete più Gay del momento. La scena gay si estende dai numerosi locali situati nel quartiere Nahalat Binyamin alle grandi discoteche del vecchio porto. Fino ad arrivare sulle spiagge, la più famosa nella comunità omosessuale è la Hilton Beach con feste e serate di ogni tipo. Spostandosi un attimo, sulle rive del Mar Rosso si trova Eilat, considerata una vera e propria perla nel mare. Qui sole, musica e vita notturna sfrenata allietano le vacanze di numerosi turisti ed è considerata una delle città balneari di Israele più gay friendly.

 

Related Posts

Diventare un unicorno non sarà più un sogno con questo stupendo pigiama
Hell Boys 2018
Hell Boys 2018, pronto il calendario di nudo maschile in chiave glamour
Smile and Fight
Smile and Fight, il rugby mostra i denti contro l’omofobia

Leave a Reply

nove + 4 =