Francesco Vezzoli e la Rai degli anni ’70 alla Fondazione Prada di Milano

La produzione televisiva RAI degli anni ’70 nella prospettiva poliedrica di Vezzoli

Negli anni ’70 la produzione televisiva della Rai, l’unica su scala nazionale, era caratterizzata dall’alto livello dei contenuti e dagli eleganti risultati finali, in parte dovuti alla missione della televisione di Stato di educare gli italiani. Una televisione che spiegava al grande pubblico, con l’informazione, l’epoca che si stava vivendo, quindi la storia e la politica, ma anche l’arte, e soprattutto intratteneva con lo spettacolo.

L’universo di Francesco Vezzoli (1971, Brescia) si approprierà  di queste immagini e le tradurrà, al vaglio di una memoria collettiva piegata a quella personale, in una riflessione sociale ed estetica condotta con il poco confondibile stile dell’artista, teso, attraverso una glamourosa indigestione di icone pop, a rivelare le contraddizioni e le origini delle nostre ansie contemporanee.

I video e gli interventi site-specific in mostra saranno integrati da una selezione di opere d’arte contemporanea di diverso genere che riflettono sul mezzo video e sulla comunicazione.Tra gli artisti: Giorgio De Chirico, Renato Guttuso, Mario Schifano e Giosetta Fioroni.

 

TV 70: FRANCESCO VEZZOLI GUARDA LA RAI

Fondazione Prada, Milano – dal 9 maggio al 24 settembre 2017

www.fondazioneprada.org

Mina, Tanto per cambiare, 1971, Courtesy Rai Teche

 

Oreste del Buono, Federico Fellini, Vittorio Bruno, Cinema 70, 1970, Courtesy Rai Teche

 

Raffaella Carrà, Canzonissima,1970, Courtesy Rai Teche

 

Giorgio de ChiricoSole sul cavalletto, 1973, Olio su tela – Photo: Giuseppe Schiavinotto Courtesy Fondazione Giorgio e Isa de Chirico, Roma

 

Eugenio Carmi, C’era una volta un re, 1973, Video con musiche elettroniche di Angelo Paccagnini – RAI – Servizio Programmi Sperimentali Video still, Courtesy Archivio Eugenio Carmi, Milano

 

Tomaso Binga, Donna in scatola, 1972, Collage su polistirolo, plexiglass, Collezione privata, Courtesy of the artist and Fondazione Filiberto Menna, Salerno

 

Giosetta Fioroni, La spia ottica, 1968, Installazione alla Galleria La Tartaruga, Roma, part., – Photo: Giuseppe Schiavinotto Courtesy of the artis

 

Libera Mazzoleni, Luca, 2-49, 1977,16 fotografie con intervento tipografico e grafico – Photo: Claudia Cataldi, Prato Courtesy Frittelli Arte Contemporanea, Firenze

 

Gianni Pettena, Applausi, 1968, Valigia light box (vintage) Courtesy of the artis

 

Renato Guttuso, La visita della sera, 1980, Olio su tela, Galleria Nazionaled’Arte Moderna e Contemporanea, Roma – Courtesy Ministero per i Beni culturali e Ambientali e del Turismo

 

 

 

Related Posts

Hollywood a Roma. Le icone del cinema americano a Palazzo delle Esposizioni
Milano, l’amore (di tutti i tipi) in una mostra speciale per la Pride Week
Fluo Run Milano
Fluo Run 2017 – Corri, balla, divertiti fra colori sgargianti e musica

Leave a Reply

3 × 2 =

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: