5 Destinazioni Gay Friendly selezionate dai migliori Travel Bloggers LGBT

Se non sai ancora dove andare per il tuo prossimo viaggio, ecco le migliori destinazioni Gay-friendly raccomandate dai più famosi Travel Bloggers LGBT.

Ce n’è per tutti i gusti, dalla samba di Rio de Janeiro alla instancabile Berlino! In realtà, diventano sempre di più le città che si aprono al turismo LGBT e quindi le possibilità di viaggiare liberi, senza compromessi.

Rio de Janeiro

Rio-de-Janeiro-gay

La lista inizia proprio da Rio, la città brasiliana del divertimento, del Carnevale e adesso anche di uno dei più importanti Pride (anche se quest’anno non si terrà per problemi finanziari). Consigliata da Luan Poffo perché “Sebbene io ami la vita notturna gay di Madrid, Rio de Janeiro sa come essere meravigliosa quando viene a darti il benvenuto con le braccia aperte”.

Tel Aviv

telaviv gay

Tel Aviv si conferma sempre più una delle mete LGBT preferite nel mediterraneo. Le Backpacking Babes la consigliano dopo che si son trovate lì per il Pride. Una città che “pullula di arte, tradizioni culinarie, e ovviamente vita notturna” che una grande e orgogliosa comunità LGBT anima con feste esclusive.

Amsterdam

amsterdam gay

Ad Amsterdam, consigliata da Once Upon a Journey, la vita gay si concentra “intorno ai gay bar della strada Reguliersdwarsstraat” dove si tengono i party più divertenti.

Berlino

Gay berlino

Adam ci suggerisce Berlino, da tanti anni meta gay, per la sua creatività e la mentalità aperta dei suoi abitanti.  Ci sono bar queer come “SilverFuture a Neukölln e Facciola a Kreuzberg” ottimi posti per i turisti, oltre ai mega techno clubs che attraggono tantissimi turisti ma anche locali LGBT.

Bali

bali

Spostandoci in Asia, ecco Bali, consigliata dagli italiani The Globbers che non la scelgono per la vita gay che si può trovare. Anzi, non ci sono bar LGBT, ma secondo loro “fa parte della bellezza di quest’isola”.

 

Related Posts

surprise me
Surprise me: Parto ma non so dove vado
Ka Design
Ka Design, la svastica come simbolo della battaglia LGBT? No grazie.
vacanze 2017
Vacanze 2017: i nemici delle spiagge

Leave a Reply

uno × 3 =