giovedì, febbraio 15, 2018

Bologna, apre il primo centro di accoglienza per rifugiati LGBT

L’italia segue l’esempio della Germania, aprirà a Bologna il primo centro di accoglienza per rifugiati Lgbt.

Si chiamerà Rise The Difference – Accogli le differenze. Sarà il primo centro di accoglienza dedicato ai rifugiati Lgbt e aprirà presto a Bologna. Non si tratta di una novità, l’Italia segue il buon esempio della Germania dove sono già stati aperti due centri simili, a Nuremberg e a Berlino. Diventando la seconda nazione in Europa a fornire questo tipo di strutture.
Il centro nasce da una collaborazione tra Mit – Movimento Identità Transessuale e il Comune di Bologna, sfruttando un finanziamento dell’Unar. Prevederà un supporto di counseling per i rifugiati Lgbt, oltre che un tetto e tutti i servizi di base.

bologna rifugiati lgbt

Queste le parole di Cathy La Torre, coordinatrice del progetto e attivista del Mit. “Si tratta di una vera e propria casa alloggio per rifugiati e rifugiate trans. Nonché di un progetto di ospitalità diffusa che coinvolge famiglie, singoli o singole che si candideranno ad offrire ospitalità a persone richiedenti asilo o rifugiate in ragione della loro identità di genere o orientamento sessuale”.

I richiedenti asilo per ragioni riconducibili all’orientamento sessuale e all’identità di genere sono soliti subire violenze nei normali hub. Da qui la necessità di provvedere fornendo loro un rifugio fisico e psicologico.
Partner del progetto sono il Centro Risorse LGBT e la Cooperativa Sociale Camelot.

Related Posts

San Valentino – 5 esperienze uniche da regalare o regalarsi
Running, come migliorare passo dopo passo
Running, come migliorare passo dopo passo
Milano, manifesto omofobo al liceo: “I gay infettano il mondo”

Leave a Reply

5 − uno =