A New York si mostra l’arte gay

I nudi maschili sono un tema ricorrente nell’arte occidentale e questo lo sa bene Andrew Lear, fondatore di un’agenzia turistica inglese che ripercorre la storia dell’arte classica in chiave gay. L’ultimo tour che è balzato alle cronache è stato quello organizzato all’interno del Metropolitan Museum di New York.

“Nonostante il Met non sia ricchissimo di nudi maschili”, ha detto Lear in un’intervista, “d’altra parte è un museo enorme ed è divertente ed entusiasmanti cercare e trovare spunti interessanti.”

In un percorso che va dall’imperatore Adriano e il suo amore neanche troppo segreto con Antinoo ai totem fallici dell’Oceania, si riscopre una storia antica di amori omosessuali raccontati dalle opere di grandi artisti.

Related Posts

17 maggio, Giornata Anti-Omofobia: essere gay nel mondo
L’Italia dice sì alle Unioni Civili, è legge
12 maggio si approva la legge sulle Unioni Civili

Leave a Reply

19 + 16 =

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: