venerdì, gennaio 19, 2018

10 posti che un viaggiatore lgbt non dovrebbe mai visitare

Il viaggiatore lgbt deve avere un’attenzione particolare nella scelta delle destinazioni di viaggio, dettata dal bisogno di sicurezza ma anche dalla necessità di lanciare un messaggio etico. 

Dieci posti che un viaggiatore lgbt non dovrebbe mai visitare. Perché dietro ad un viaggio deve esserci una scelta consapevole che premia i diritti umani.

Nigeria

Viaggiatore lgbt

In tutta la nazione è presente un sentimento anti-gay. Olotre il 97% dei Nigeriani è d’accordo nel dire che l’omosessualità è inaccettabile. Coppie dello stesso sesso rischiano 14 anni di carcere.

Honduras

Viaggiatore lgbt

Dal 2009 i crimini legati all’omofobia sono in aumento. Chi si batte per l’uguaglianza viene messo all’angolo dalla propria comunità. Omicidi legati alla sessualità sono comuni e le autorità fanno molto poco per punirli o prevenirli.

Zimbabwe

Viaggiatore lgbt

Il presidenteRobert Mugabe ha creato un vero e proprio ecosistema contro i gay, al motto “l’omosessualità distrugge le nazioni”. Gli omosessuali sono considerati sporchi e rischiano la decapitazione.

Jamaica

Viaggiatore lgbt

I rapporti sessuali tra persone delle stesso sesso sono illegali e il governo non protegge le persone lgbt. Anzi spesso tollera e partecipa dei comportamenti omofobi.

Senegal

Viaggiatore lgbt

Atti sessuali tra persone dello stesso sesso sono un crimine da pagare con multe o galera. Nel solo 2013 sono state decine le persone lgbt arrestate per il semplice fatto di essere lgbt.

Lithuania

Viaggiatore lgbt

L’influenza negativa della vicina Russia è molto forte. La propaganda anti-gay è molto diffusa e qualsiasi manifestazione o associazione lgbt è bannata. 

Sudan

Viaggiatore lgbt

L’omofobia è molto diffusa e le relazioni tra persone dello stesso sesso sono illegali. La polizia si è resa partecipe di violenze contro persone lgbt.

Egitto

Viaggiatore lgbt

Essere gay in Egitto equivale ad essere un criminale. L’eventualità che la polizia addeschi persone gay su internet o tramite applicazioni per smartphone è diffusa.

Russia

Viaggiatore lgbt

È molto diffusa la propaganda anti-gay. Con un sentimento negativo che abbraccia tutta la comunità lgbt, al punto da arrivare a vietare la guida ai transessuali. Tutte le manifestazioni di orgoglio lgbt, quali i Pride, sono bannate. 

Uganda

Viaggiatore lgbt

“Uccidi i gay” e “Arresta i gay” sono motti diffusi in Uganda. Gli attivisti lgbt sono spesso vittima di omicidi e violenze. Per comportamenti quali “omosessualità aggravata” c’è il carcere a vita.

Related Posts

Tiziano Ferro, Rolling Stones: “Se sei gay non cantare etero”
Savona: manifesto antigay nello studio medico per guarire l’omosessualità
Ricky Martin
Ricky Martin e Jwan Yosef, il ritratto di una famiglia felice in prima pagina su AD

Leave a Reply

16 − 5 =